Vendere con Google? Si può e si deve!

collegamentoNonostante il fatto che io rientri nella fascia 20-30 anni e quindi nella generazione che col pc ci è cresciuta o che comunque ha iniziato ad utilizzarlo dai tempi delle scuole, non avrei mai potuto prevedere che l’importanza di internet avrebbe raggiunto questi livelli. Pensate ad una cosa qualsiasi, tanto per restare in tema natalizio -dato che è quasi ora- qual è il primo posto dove cerchereste informazioni e spunti per dare il via alla caccia ai regali? Sono sicura che molti utilizzerebbero la rete per informarsi sulle novità tecnologiche appena uscite, avere una vetrina molto ampia per valutare i prezzi disponibili sul mercato e , perché no, comprare anche online!

Molte famose catene di elettronica, negozi online di oggettistica, libri ed abbigliamento, spesso infatti offrono dei prezzi decisamente competitivi rispetto a quelli dei negozi tradizionali. Non navigare, non informarsi, non avere un sito internet è certamente un danno per chi possiede un attività o semplicemente per chi deve fare un acquisto di qualsiasi genere. Ovviamente nel nostro piccolo il fatto di non informarci sul web prima di fare un acquisto si traduce nello spendere qualche euro in più- che si poteva risparmiare, ma che probabilmente non ci cambia la vita- oppure nel perdersi qualche speciale offerta o evento, acquistabile solamente online.

Per chi possiede un’attività il danno derivante dal non partecipare attivamente alla rete e nello specifico, dal non ESSERE nella rete è ben più grave. Per esperienza personale posso dire che i commercianti della vecchia scuola, che non si preoccupano di aver un sito internet e magari il pc non lo sanno proprio usare, sono destinati ad avere una clientela diciamo “datata” e destinata a diminuire; poi certamente il successo di un’attività è dato dalla propria posizione, dal business di riferimento e da molti altri fattori; alquanto bizzarro ad esempio sarebbe acquistare la carne da una macelleria online o pagare un cucciolo con la carta di credito e riceverlo impacchettato a casa 

Per i business che si prestano ad essere commercializzati anche nella rete dunque, adattarsi ai ritmi del world wide web è essenziale e bisogna sottolineare come le tecniche di vendita siano del tutto diverse rispetto a quelle tradizionali. Innanzitutto chi accende il pc, si collega col suo smartphone o con il tablet, nel 99% dei casi è alla ricerca di informazioni, prima che di prodotti o servizi specifici. Quante volte infatti, anche quando vogliamo aprire un sito conosciuto, ad esempio quello del multisala dove abitualmente andiamo con gli amici, non digitiamo direttamente la url del sito- che sicuramente conosciamo a memoria- ma lo ricerchiamo attraverso un motore di ricerca.motore ricerca

Ci sono diversi motori di ricerca disponibili anche se il primato di motore di ricerca più conosciuto ed utilizzato è sicuramente Google, che si rivela uno strumento utilissimo dato che cataloga ed indicizza il World Wide Web ed inoltre si occupa anche di catalogare immagini, video, mappe, news e offre anche la possibilità di creare una casella di posta elettronica (gmail). Per le aziende e le attività quindi, una volta creato un proprio sito internet, il passo successivo ed obbligato è quello di curare il proprio posizionamento nei motori di ricerca.

Ottenere un buon posizionamento è la chiave dell’internazionalizzazione delle PMI e dei business di nicchia, più che dei colossi multinazionali (vedi Coca- Cola, Mc Donald, Nike ecc…) e permette inoltre alle aziende di essere “trovate” da un certo target di clienti, dato che il traffico generato è altamente profilato e garantisce quindi contatti assicurati ed ottime possibilità di vendita. Certamente la valutazione delle scelta da fare in ambito di web marketing va oculata in collaborazione con un’agenzia specializzata in SEO,ma a prescindere dalle scelte operative che si prenderanno per spingere il sito verso la “top 10” dei risultati del posizionamento organico, Google è sicuramente il canale da utilizzare per generare nuovi contatti e per offrire un servizio online anche agli utenti che sono già clienti del vostro sito.

Scritto da    |   dicembre 5th, 2011   |   Nessun commento
Serena Rigato

Lascia un commento