Nuovi Annunci di Testo Estesi in Google Adwords

Lo sapevi che Adwords ha annunciato il lancio di nuovi annunci, più lunghi, che potrai sfruttare per promuovere i tuoi prodotti e servizi online?

In seguito alla decisione presa a inizio anno di eliminare gli annunci sul lato destro dei risultati di ricerca per unificare il modo in cui gli annunci si vedono in vari dispositivi, Google Adwords decide di incrementare, dal mese di Luglio 2016, il numero di caratteri disponibili per gli annunci di testo: sono i chiamati annunci di testo estesi.

Come sono gli annunci di testo estesi in Adwords?

Addio alla regola 25-35-35, i nuovi annunci hanno due righe di 30 caratteri a modo di titolo (chiamate Headline 1 e Headline 2), che si mostrano insieme sulla prima riga dell’annuncio. La riga di descrizione ha ben 80 caratteri.

specifiche degli annunci estesi adwords
Google Adwords ci ha fatto sapere che i primi test rivelano un incremento del 20% di click through rate (percentuale di click rispetto al numero di volte che gli utenti visualizzano l’annuncio) in annunci di testo estesi.

Probabilmente alcuni sceglieranno semplicemente di aggiungere alcune parole in più a quello che ora funziona come titolo, mentre altri ripenseranno completamente la struttura dei loro annunci. Come sempre, dipende in gran misura della performance attuale della tua campagna, ma una buona prassi sarà probabilmente quella di includere la tua chiamata all’azione nel titolo.

Un ulteriore vantaggio degli annunci estesi e che verrà fornita all’utente più informazione prima di realizzare il click. Questo significa che abbiamo più capacità per schermare i nostri clienti potenziali ed evitare click poco rilevanti: se il nostro è un prodotto di lusso, diciamolo per evitare che ci cerca il nostro prodotto a prezzi economici consumi un prezioso click che potrebbe andare ad un utente più qualificato per la nostra offerta di valore.

Nello stesso modo, cerchiamo di includere le informazioni essenziali che fanno che il nostro prodotto/servizio sia diverso dagli altri proposti: una funzionalità originale o una garanzia di servizio ben espressa nel nostro annuncio puo’ fare la differenza tra una campagna di successo e una campagna con basso ritorno sull’investimento.

La URL di visualizzazione, in verde e che dovrà sempre coincidere con il dominio associato alle pagine di destinazione degli annunci, si mantiene in seconda posizione rispetto al resto di elementi dell’annuncio, come già fa da qualche mese. Ricordi che una volta era l’ultimo elemento? 😉

Cambia qualcos’altro in Google Adwords?

🙂 Durante i prossimi mesi avremo sicuramente l’opportunità di esplorare insieme come sta cambiando il panorama della pubblicità su tutti i dispositivi e di come queste opportunità possono farti vendere di più.

I cambiamenti sono costanti e considerati gli investimenti sempre più alti in pubblicità online è essenziale stare al passo di tutte le modifiche e sfruttarle per migliorare la redditività delle tue campagne!

Scritto da    |   agosto 30th, 2016   |   Nessun commento
Alba Lorente

Lascia un commento