Marketing Minions: una strategia tutta gialla

A darmi l’ispirazione per scrivere questo articolo ci hanno pensato tre simpatici ometti gialli che portano il nome di “Minions”. Mi ha fatto sorridere e riflettere vedere come questi siano riusciti a spopolare non solo al cinema, dove hanno registrato incassi da capogiro, ma anche e soprattutto sul web dove c’è stato un vero e proprio boom di visualizzazioni in brevissimo tempo.

Questi “pacchi gialli” si son resi da subito adorabili per il fatto che utilizzano un mix di lingue diverse, nonché per le loro corporature “minions” e i buffi occhiali che portano. Rispetto a molti altri personaggi di fantasia diventati popolari, i Minions hanno la speciale caratteristica di non rappresentare in sostanza nulla se non delle emoji con mani e piedi che hanno però la capacità di manifestare tutti quegli stati d’animo umani in cui ognuno di noi si può immedesimare.

Sono personaggi che si adattano ad essere utilizzati in moltissime circostanze e forse è proprio questo il punto di forza che ha permesso loro di essere i protagonisti di pubblicità, slogan e molto altro. Chi ha creato i Minions, insomma, sa il fatto suo ed ha avuto un’idea e una strategia di marketing che funziona molto bene anche su internet – si pensi anche solo al fatto che si tratta di emoji, simboli che per natura vengono utilizzati per la comunicazione digitale. Cercando i Minions su internet è molto facile trovare contenuti a loro dedicati, e condivisi da moltissimi utenti.

11737973_974202772601968_2557100671629177875_n

Ed ecco che arriviamo al punto di questo articolo.

Ho usato l’esempio dei Minions come spunto per mostrare come un prodotto già di per sé funzionante e di successo, se inserito all’interno di una buona campagna marketing online, e soprattutto se pensato in modo che piaccia agli utenti che navigano in rete, può arrivare a risultati incredibili colpendo sia il mercato di riferimento, cioè quello legato ai bambini, sia in un mercato meno in target come quello degli adulti.

Tra gli strumenti grazie a cui internet fa da grande eco pubblicitaria di un prodotto ci sono sicuramente i “meme”, ovvero quei divertenti tormentoni che nascono per caso, per esempio sui social, catturando l’attenzione degli utenti e finendo per diventare l’oggetto di una catena di condivisioni potenzialmente infinita. E quando internet riesce a regalare loro una popolarità consistente possono valicare i confini del mondo virtuale, diventando appunto prodotti da supermercato, omaggi nei Fast Food, gadget e giocattoli, esattamente com’è successo per i Minions.

Quello dei meme vuole essere solo un esempio semplice per far capire quanto sia importante comprendere e sfruttare appieno i meccanismi della comunicazione online se si vuole lanciare un prodotto: quando l’idea piace e funziona va sfruttata in tutte le proprie potenzialità attraverso condivisioni sui social, pubblicità e tutti i tipi di canali di comunicazione digitale. Questa infatti può trasformare la natura stessa del prodotto facendolo passare da uno stato virtuale ad uno fisico, può ampliare radicalmente il target commerciale di riferimento riuscendo sorprendentemente a raggiungere una fetta di pubblico inaspettata.

Se i Minions piacciono a grandi e piccini un grande ringraziamento di sicuro deve andare a Internet e a tutte le preziose opportunità che offre a chi vuole promuovere le sue creazioni.

Scritto da    |   settembre 18th, 2015   |   Nessun commento
Karmen Jerkovic

Lascia un commento