Guest post: ricerche mirate e skyscraper guest posting

Guest post ricerca blog - Prima-posizione.it

Se anche voi vi occupate di link building lo sapete bene, i guest post rientrano tra quelle attività che, se realizzate con i giusti crismi e senza esagerare, possono portare grandi benefici per la SEO del vostro sito web. Durante il mio lavoro, mi cimento con regolarità nella ricerca di nuovi canali che accettano di pubblicare un articolo con link dofollow al sito del cliente per il quale sto lavorando. Nella mia personale esperienza, molto spesso è proprio la fase di ricerca quella che mi crea le maggiori difficoltà, perché diciamocelo… alcune volte trovare un blog a tema per il nostro settore è davvero un’impresa! Ecco quindi che in questo articolo voglio darvi alcuni spunti che spero possano aiutarvi nella ricerca. Si tratta di modalità di ricerca che ho sperimentato nel corso delle mie attività e che mi hanno aiutato a trovare con più facilità dei nuovi canali interessanti per la pubblicazione di guest post. Naturalmente, non si tratta di procedure universali che funzionano in tutti i settori e in ogni contesto, ma di metodologie che vanno adattate e modificate in base alle specifiche esigenze e caratteristiche del progetto. Come sempre, poi, una bella dose di curiosità mista a inventiva e spirito di osservazione sono la chiave per massimizzare il risultato!

Quando ho iniziato ad occuparmi di link building e quindi a mettermi alla prova con i guest post, durante la fase di ricerca mi cimentavo con le classiche query che si è soliti usare per la ricerca di blog. Ve ne elenco alcune qui sotto:

blog “keyword”

“keyword” guest post

“keyword” inurl:blog

Sicuramente, questo è un ottimo punto di partenza che per alcuni settori può rivelarsi sufficiente per scovare un buon numero di canali interessanti per i nostri guest post. Con il tempo, però, mi sono accorto che, limitandomi ad utilizzare solamente queste query, mi sarei precluso un mondo di altre opportunità che invece erano lì ad aspettarmi! Esistono infatti altre ricerche che è possibile condurre e che permettono di localizzare altri blog interessanti ai quali richiedere la pubblicazione di un guest post.

Molto spesso, durante le mie ricerche, mi sono imbattuto in risultati che contenevano quasi esclusivamente blog aziendali, che quindi sono stato costretto a scartare poiché si trattava spesso di concorrenti che difficilmente avrebbero accettato di pubblicare un nostro contenuto. Come fare dunque per evitare che questi risultati escano nelle nostre ricerche e lascino invece spazio agli altri blog? Possiamo provare con delle ricerche che includano delle diciture che sono caratteristiche di un blog non aziendale! Molti di questi blog, ad esempio, richiedono ai propri lettori delle donazioni volontarie che sovente vengono richieste con la formula “Offrimi un caffé“, come vediamo qui sotto:

Canali guest post sul blog di Prima-posizione.it

 

Ecco quindi che utilizzare una chiave di ricerca come “Keyword” “Offrimi un caffé” può già aiutarci ad identificare questa tipologia di blog, che possiamo quindi contattare se l’andamento in termini di visibilità organica, traffico e link popularity ci soddisfa.

Un’altra caratteristica che contraddistingue i blog non aziendali è la scheda contenente le informazioni sul blogger. Se siete soliti cercare dei blog ve ne sarete accorti, sono moltissimi i blogger che ne hanno una nel proprio blog e noi, da bravi link builder, non possiamo farci scappare questa peculiarità! Vediamo qui sotto un esempio pratico:

Guest posting sul blog di Prima-posizione.it

In questo esempio vediamo che la blogger si presenta ai suoi lettori descrivendosi con qualche aggettivo e introducendo il suo blog, oltre a fornire il contatto mail. Dall’analisi della scheda, però, possiamo ricavare un’informazione interessante. Avete capito qual è? Esatto, si definisce una “Beauty Blogger“. Questo non è un dettaglio da poco, perché potrebbe voler dire che, nel settore della bellezza e cura del corpo, la dicitura Beauty Blogger viene utilizzata per definire coloro che gestiscono un blog su questo tema. Ecco quindi che potremmo spostare il fuoco della nostra ricerca sul blogger anziché su una parola chiave. Ecco i risultati che otteniamo con la query “Beauty blogger” “guest post” filtrando i risultati in italiano:

Ricerca di blog - Prima-posizione.it

Come vedete, la SERP ci restituisce quasi esclusivamente blog non aziendali a tema, che non ci resta che analizzare ed eventualmente contattare! 🙂

L’ultimo spunto che vi voglio dare oggi riguarda un metodo di ricerca di blog che sto studiando in questo periodo e che potrei definire come “Skyscraper guest posting“, perché è una metodologia che ho elaborato partendo da un’altra interessantissima attività di link building, ovvero la Skyscraper technique, di cui ho già parlato qui. Premetto subito che si tratta di una tecnica che va ad individuare dei blog che permettono sì di pubblicare un contenuto con link al proprio sito, ma che spesso richiedono il pagamento di una somma di denaro o l’invio di un campione omaggio da recensire. Se nella skyscraper technique si va a caccia del miglior contenuto esistente sul web per un determinato argomento e se ne crea uno ancora migliore da somministrare ai canali dove era stato somministrato il contenuto di partenza, nella tecnica che sto testando si punta a trovare contenuti pubblicati sui blog da un concorrente di punta che opera nel nostro stesso settore e a contattare gli stessi blogger per proporre anche i nostri contenuti.

L’attività sfrutta una sezione molto comune nei blog di fascia medio-alta, ovvero la pagina “Collaborazioni”. Ebbene, in questa pagina i blogger sono soliti inserire i marchi più grandi/prestigiosi con cui hanno avuto il piacere di collaborare. Vi si è accesa una lampadina? Se ancora non avete intuito di cosa si tratta, ecco come procedere: identificate uno dei concorrenti principali che operano nel vostro settore, un concorrente di dimensioni medio-grandi e che gode di buona reputazione sia offline che online. Ora, non vi resta che eseguire una ricerca mirata a trovare tutti i blog con cui il nostro concorrente ha collaborato. Facciamo un esempio con il brand “Euphidra”, effettuando la ricerca “”collaborazioni” “Euphidra” “blog”:

Guest blogging sul blog di Prima-posizione.it

 

Et voilà! Ecco qui una serie di interessantissimi blog tutti da valutare ed eventualmente contattare! 😉 Per una ricerca ancora più approfondita e completa, potete eseguire un’analisi dei backlink al sito del vostro concorrente con dei tool quali ad esempio Majestic, al fine di individuare tutti i blog da cui il competitor ottiene dei backlink.

Spero che questo articolo vi sia stato utile e vi abbia dato degli spunti interessanti per migliorare le vostre ricerche di blog su cui pubblicare dei guest post. E voi? Utilizzate altre metodologie di ricerca o avete spunti interessanti da condividere? 🙂

Scritto da    |   maggio 5th, 2016   |   Nessun commento

Lascia un commento