Fare branding con i social network si può: il caso di Gianni Morandi

Ormai è sulla bocca di tutti: Gianni Morandi spopola tra i social, ma non solo per la sua simpatia e le pronte riposte che regala ai sui fan e follower. È diventato infatti proprio quello che possiamo definire un caso studio per il social media marketing. Il fatto di essere così sociale non solo dietro lo schermo della tv, ma anche dietro lo schermo di un cellulare lo ha reso ancora più famoso.

Presente su Facebook, Twitter e Instagram i suoi account hanno un gran numero di fan, merito anche della sua attività continua di ‘posting’ che svolge ogni giorno.

ProfiloInstagram_GianniMorandi

Ma… cosa sta facendo nella pratica Gianni Morandi per avere così tanto successo?  Vediamo la sua ‘strategia’ di marketing, se così possiamo chiamarla, con maggiore occhio clinico:

  1. Su Facebook ha aperto una pagina come personaggio pubblico e non un profilo
  2. Risponde sempre e a tutti i commenti, (a volte forse anche troppo :)) citando e ringraziando anche i fan e utilizzando nella maniera corretta il tasto ‘rispondi’  – per la prontezza nelle risposte fa addirittura un baffo all’assistenza clienti social di molte aziende!
  3. Posta in maniera frequente
  4. E’ auto promozionale, ma non troppo
  5. Coinvolge gli altri, e in particolare le persone non famose
  6. È sempre disponibile
  7. Varia la ricetta, differenziando tutti i post, quindi non pubblica solo immagini, ma anche video
  8. Pubblica momenti in cui si mette in gioco, e si immedesima nella vita reale delle persone (questo forse gli ha permesso di accorciare la distanza tra lui e i sui fan)
  9. Si immedesima con l’utente medio
  10. E’ auto-ironico
  11. Commenta fatti di attualità e condivide le sue opinioni
  12. Posta moltissimi selfie

gianni_morandi_fb

In altre parole, Gianni Morandi non sta facendo altro che attuare la strategia di social media marketing che dovrebbe seguire un’azienda sui social network! Le sue ‘regole’ di condotta social sono un esempio da seguire per tutti coloro – personaggi pubblici, aziende – che vogliono ottenere visibilità in maniera profittevole sui canali sociali. Naturalmente a detta sua il profilo di Gianni Morandi è gestito direttamente da lui stesso, o al massimo da sua moglie, perciò inconsapevolmente o meno sta seguendo anche lui un piano editoriale!

Unica pecca? La ricetta è varia al punto giusto, però probabilmente il successo aumenterebbe se variasse non solo i tipi di post, ma anche i contenuti tra i vari social: è sempre buona regola personalizzare in base al tipo di social, e se fossi in lui, visto che lui stesso ha dichiarato che ‘la sua età non è stata assolutamente un ostacolo per imparare’ l’utilizzo dei social, aggiungerei anche qualche hashtag in più, in particolare su Facebook…quindi:

‘@gianni, complimenti per il tuo ottimo utilizzo dei social da autodidatta! 🙂 L’abbiamo capito che non hai un social media manager, sappi che se dovesse servirtene uno o se avessi anche solo bisogno di qualche consiglio in più @primaposizione è disponibile! 🙂 ’

Scritto da    |   novembre 13th, 2015   |   Nessun commento
Stefania Mazzucato
Stefania Mazzucato

Lascia un commento