Facebook: la pubblicazione off-line si può!

Che Mark Zuckerberg fosse attento e dedito alla beneficenza l’avevamo capito, soprattutto da quando il 1 dicembre 2015 è nata la figlia Max, ma che fosse così sensibile alla connessione tra le persone anche nei paesi emergenti, l’avevamo solo intuito finora.

Di costa sto parlando? Da qualche settimana Facebook ha annunciato l’introduzione di una nuova funzione di connessione. Ora è possibile pubblicare, commentare, mettere mi piace, condividere e spulciare la sezione notizie anche quando la connessione è assente.

Ciò accade perché la nuova funzione di Facebook nel momento in cui rileva una connessione lenta, scarsa o del tutto assente, restituisce una serie di risultati calcolati in base alla cronologia delle ricerche effettuate e delle azioni svolte.

offline-facebook

Questo, cosa significa? Nel momento del caricamento del news feed non si vedrà più apparire l’ingranaggio del download, ma ci saranno sempre e comunque dei risultati visualizzati, che Facebook studia e memorizza, in relazione all’ultima connessione. Oltre allo studio della cronologia, analizza anche i post non ancora letti e li restituisce insieme agli altri selezionati.

È possibile non solo navigare, leggere e vedere i post, ma anche pubblicare, commentare, cliccare mi piace e fare condividi. Non appena sarà ristabilita la connessione il commento inserito o il video/foto aggiunta saranno pubblicate.

Facebook quindi tiene conto degli amici, dei collegamenti, delle preferenze espresse per decidere cosa mostrare nel news feed nel momento della connessione assente.

Ma tutto questo cosa c’entra con i paesi emergenti? L’idea di poter pubblicare off-line nasce dall’esigenza dei paesi emergenti che viaggiano ancora su reti 2g, quindi lente, di poter utilizzare Facebook, per dare anche a loro la possibilità di collegarsi e mettersi in contatto con i propri amici presenti nel social network.

Questa funzione non è ancora disponibile per tutti, ma sta venendo implementata man mano, quindi tenete sott’occhio il vostro smartphone e ma soprattutto la vostra connessione di rete.  🙂

Scritto da    |   dicembre 17th, 2015   |   Nessun commento
Stefania Mazzucato
Stefania Mazzucato

Lascia un commento