Deflazione: la risposta è il web

Dopo un’estate di piogge e maltempo, con temperature degne di un fine ottobre, una parola è apparsa ed ha capeggiato in questi giorni sui titoli di tutti i TG e giornali: la DEFLAZIONE.

Era dal lontano 1959 che noi Italiani non usavamo questo termine per fotografare la nostra economia, ma forse il concetto non ci è ancora molto chiaro, intanto capiamo meglio cosa vuol dire la parola.

Deflazione: è un termine di macroeconomia che indica una generale diminuzione dei prezzi di vendita di beni e servizi, in un mercato. Opposto dell’inflazione che invece ne determina l’aumento. La causa della deflazione è il calo dei consumi e quindi della domanda sul mercato.

deflazione immagine

Quindi il problema per un’ azienda oggi è “come fare a intercettare una domanda in calo, in un mercato che si contrae?”.

Le aziende tradizionalmente approcciano e presidiano il mercato attraverso il canale con i classici strumenti diretti e indiretti:

– forza di vendita, distribuzione, punto vendita

– fiere ed eventi di settore

– old media (stampa, radio e TV)

Tutte le risorse ed investimenti che comunque sono orientati a portare:

l’OFFERTA —> va verso —> la DOMANDA 

nella speranza che queste si incontrino!
Il luogo ideale dove essere quindi è dove questa situazione si ribalta, ossia dove:

la DOMANDA —> va verso —> l’OFFERTA,

dove i potenziali clienti cercano i prodotti e i servizi, nel momento del bisogno e del loro probabile acquisto.

La risposta giusta è…..???
Il WEB ….dove tutti noi (compreso tu che stai leggendo) entriamo ogni giorno da mobile, tablet o lap top, per cercare e trovare (DOMANDA) : informazioni, beni e servizi (OFFERTA).

postcoruzzi2

Il Web quindi è una soluzione concreta alla DEFLAZIONE in quanto aumenta la probabilità di una azienda di incontrare la DOMANDA del mercato per proporre la sua OFFERTA di beni e servizi.

Questo però non vuol dire avere semplicemente un sito web on line, ma definire una strategia concreta in base alla dimensione del proprio mercato nel web e dotarsi dei corretti strumenti e partner per renderla efficace, oggi e nel tempo.

Spesso le aziende sottovalutano erroneamente questo aspetto, principalmente per la poca conoscenza di questo new media, che oggi oramai rappresenta il market place a tutti gli effetti.

Un dato su tutti vi può meglio spiegare il perché di questa opportunità, ossia valore del mercato Italiano on line (e-commerce):

9 miliardi di euro nel 2012

13 miliardi di euro nel 2013

Il mercato digitale sta crescendo rispetto quello reale, il suo trend positivo è in controtendenza rispetto a tutti gli altri indici, come lo sono le aziende grandi e piccole, che lo stanno cavalcando, sia nel mondo B2C che nel B2B.

Quindi oggi investire nel web, in un mercato che si sta contraendo, vuol dire aumentare le opportunità di sopravvivenza, consolidazione o di una eventuale crescita di una azienda.

Scritto da    |   settembre 4th, 2014   |   Nessun commento
Andrea Coruzzi

Lascia un commento