Cross linking tra White & Black Hat

Come sappiamo il web è costruito in base ai collegamenti, cioè ai link. Nessuno è un’ isola e nessuno rimarrà un’ isola, a meno che non lo voglia (ma a quel punto non ha senso nemmeno avere un sito internet); tuttavia, la link building, ovvero la strategia di back links che rappresenta uno dei criteri del Ranking, non viene sempre fatta alla luce del sole e, anch’essa, come la maggior parte delle cose nella vita, non è sempre bianca o nera, ma ha diverse sfumature di grigio.

Vorrei affrontare qui una delle tecniche della link building che non appartiene alla Black Hat, ma nemmeno alla White Hat, ma sostanzialmente alla Grey Hat. La SEO è questo. E’ Grey Hat

Affronterò quindi un metodo (diciamo una tecnica) che ho riscontrato ultimamente più di una volta. Ovvero il cross linking tra più siti collegati tra loro principalmente da una cosa: il proprietario! Quindi questa tecnica di linkare a vicenda siti web che appartengono alla medesima persona, ancora abbastanza diffusa, si basa su una strategia di link che con collegamenti ipertestuali, collega tutti i siti in questione con l’obiettivo di far aumentare il Ranking, se non di tutti, almeno di uno.

Premetto che non sono contrario a prescindere e non ho pregiudizi verso alcun tipo di tecnica di link building (tranne quella dello scambio link palese di un sito A verso un sito B e vivecersa)

Gli esempi che ho incontrato, se dovessi raffigurarli, avrebbero queste sembianze. (ho messo qui 6 siti web per comodità, ma la logica è la stessa)

tecnica cross linking

L’aspetto  paradossale però è che questi collegamenti sono tutti uguali. Ovvero i siti presentano gli stessi link in entrata e link in uscita. Quindi, agli occhi del motore di ricerca, sarebbero un po’ ambigui e capirebbe, molto probabilmente, che abbiamo architettato tutta questa cosa per scalare di qualche posizione o essere più visibili.

Come fa il motore di ricerca a capire che tutti questi siti sono riferiscono una sola persona? Dalla struttura dei link che essi hanno. Tutti i siti del gruppo rappresentano la stessa architettura dei link. Tutti e 6 i siti hanno gli stessi link in entrata e in uscita.

Dicevo che non sono contrario a prescindere alla tecnica del cross linking e direi che un’architettura di questo tipo sarebbe più indicata.

come collegare siti tra loro

In ogni caso, state attenti allo stesso indirizzo IP, un’altra via per sapere facilmente se questo gruppo di siti appartiene ad una singola persona e quindi, per i motori di ricerca, facilmente individuabile.

A presto

Franco

Scritto da    |   agosto 22nd, 2011   |   Nessun commento

Lascia un commento